In una stringente logica di economia di mercato, tra le molteplici dinamiche che un imprenditore deve analizzare e prendere in considerazione, spicca, senza dubbio, quella della tassazione. Date le situazioni italiane, quindi, appare logico che un sistema come quello della tassazione in Slovenia risulti essere maggiormente invitante.

Non per nulla, questo sistema permette di avere agevolazioni e vantaggi che sono del tutto ignote al nostro sistema fiscale. Quindi, questo paese a noi confinante, è sempre più una meta per l’imprenditoria italiana e non solo.

D’altra parte, i forti venti di crisi che sferzano l’Italia sono causa di numerose problematiche. Oltre a ciò, vi è anche il dato che la politica governativa del nostro paese è sorda ad ogni tipo di richiamo.

Quale futuro per l’imprenditoria italiana?

Di certo, a fronte degli assalti della economia globalizzata, l’Italia risulta essere assolutamente impreparata. Non per nulla, l’orizzonte è cupo e poco rassicurante.

In Slovenia, le forze politiche hanno compreso che è un bene avere un sistema fiscale meno opprimente e maggiormente fluido. E i risultati di questa politica non si sono, di certo, fatti attendere. In pratica, molti siti industriali, si sono letteralmente trasferiti, altri sono direttamente sorti in Slovenia.

Di conseguenza, l’economia ha beneficiato sia di nuovi introiti e sia ha dato rilancio anche all’economia interna con la creazione di nuovi posti di lavoro.

In conclusione, tanto il sistema fiscale quanto quello burocratico impiantato in Slovenia, sono divenuti punti di riferimento per un numero sempre più crescente di imprenditori nazionali.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *